Controllo accessi

La sicurezza nelle aziende è sottoposta continuamente a dure  prove. Criminalitàviolenze fisichespionaggio industriale sono problemi con i quali oramai bisogna confrontarsi quotidianamente. Una sicurezza “totale” non può prescindere da un sistema di controllo degli accessi che permetta la gestione del transito del personale in zone “sensibili”. Non fare entrare persone senza accredito in determinati locali è importante: Sapere chi entrachi esce da un edificio è ancora più importante (tracciabilità).

Controllo accessi

Il controllo degli accessi attiene alla sicurezza fisicachi, dove, quando, come e perché un utente può accedere ad un edificio o un’area interna riservata, pericolosa o a rischio.

La rilevazione delle presenze riguarda la gestione entrata e di uscita per calcolare le ore lavorate, suddividerle per classi retributive e passare poi i dati al programma paghe che sforna ogni mese i cedolini dei salari e degli stipendi.

La confusione nasce proprio dall’uso inappropriato delle parole “controllare” le persone per impedire l’accesso e “registrare” gli orari per determinare le ore di lavoro (ma anche controllare il comportamento, la puntualità, la presenza dei dipendenti). Vero è che, in alcuni casi, le due funzioni sono integrate.

Il dipendente ad esempio accede al posto di lavoro attraverso un tornello; l’unità elettronica che presidia il varco verifica se la persona è autorizzata ad entrare (e a uscire) attraverso quel passaggio e in quella fascia temporale e nel contempo registra l’orario di entrata (o di uscita).

Molte aziende che producono sistemi elettronici di controllo accessi offrono anche soluzioni per la rilevazione delle presenze e viceversa. Le due applicazioni richiedono competenze specifiche molto diverse (soprattutto nel software) anche se hanno diverse cose in comune (la tecnica d’identificazione, le unità elettroniche e la trasmissione dei dati)

Un sistema di rilevazione presenze può avere in comune diverse cose con un sistema di controllo accessi: la tecnologia RFID, i lettori che raccolgono le informazioni ma i software sono differenti perché gli obiettivi dei sistemi sono diversi.

Cos’è un accesso?

Con il termine accesso ci si riferisce al passaggio fisico in un determinato luogo attraverso un “varco”. Questo varco può assumere conformazioni fisico-tecniche diverse secondo le varie esigenze. In particolare trovano largo uso in numerose applicazioni i seguenti varchi:

– porte
– portoni posti all’esterno (pedonali o carrai);
– cancelli;
– sbarre per parcheggi;
tornelli a bipode, a tripode, ad anta, a tutta altezza, portelli a spinta

 

Ma in cosa consiste un sistema per il controllo degli accessi?

Gestire la pratica di autorizzare ad entrare in una proprietà, edificio o stanza solo le persone accreditate.

Un sistema per il controllo degli accessi è il risultato di un processo che ha inizio con le analisi delle esigenze del cliente e termina con una proposta tecnica che deve tener conto delle più disparate soluzioni relative a:
  • Procedura d’accertamento della persona (quali tecnologie utilizzare per l’identificazione)
  • Controllo credenziali d’accesso (quali strumenti utilizzare per leggere i dispositivi di identificazione)
  • Tipologia di varchi di accesso (tornelli, semplici porte)
  • Software che permette di rielaborare i dati e di fornire una reportistica

Declinare una risposta tecnica alle esigenze di controllo degli accessi non può prescindere da una profonda conoscenza delle tecnologie che rendono il sistema efficiente e sicuro. Rivetta Sistemi utilizza le migliori tecnologie per l’identificazione personale e sviluppa internamente i software per la gestione del sistema.

 

Perchè serve un sistema di controllo accessi?

– Sicurezza sia per il personale che per le proprie strutture

– automatizzazione delle pratiche di identificazione e di smistamento del personale

– possibilità di avere report istantanei sulla presenza di lavoratori in una certa area

 

 Campi di applicazione:

– aziende, controllare che solo determinati dipendenti accedano in determinate aree e in determinati spazi temporali

– piattaforme ecologiche, garantire un accesso controllato all’interno di discariche

– parcheggi

– palestre

Leggi il nostro manuale sui sistemi di controllo accessi